Casa Della Sposa Arosio | Blog Casa della sposa Arosio
Blog Casa della sposa Arosio - Articoli, pensieri e suggerimenti per le future spose
Blog Casa della sposa Arosio
21807
page-template,page-template-blog-masonry,page-template-blog-masonry-php,page,page-id-21807,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8,vertical_menu_enabled,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Blog

Pensieri e consigli per le future spose.

velo da sposa

Il Velo

Se alla scelta del vestito, non ha preso il sopravvento la commozione: ecco il momento!

Quando si indossa il velo si scatenano emozioni uniche che completano la magia che  aleggia intorno al vestito da sposa.

Il velo è romanticismo, è tradizione, è magia. 

Anche le spose più alternative o meno tradizionali difficilmente resistono al suo fascino.

 

“ così dentro una nuvola di fiori

che da le mani angeliche saliva

e ricadeva in giù dentro e di

fori,

sovra candido vel cinta d’uliva

donna m’apparve sotto verde manto

vestita di color di fiamma,

viva”

Purgatorio Canto XXX versi 28-33

 

 

Nella visione angelica di Beatrice che si mostra a Dante il velo è protagonista restituendone un’immagine di sacralità, così il velo incornicia la figura e il volto della donna che lo indossa di una luce nuova, rendendola  ancora più sposa.

Ogni personalità ha un proprio velo idoneo a farne risaltare a pieno le sue caratteristiche:

Meno convenzionale ma molto spiritosa e bon ton è la frizzante veletta che non scende all’indietro, lasciando la nuca scoperta ma davanti al viso, fermandosi di solito fin sotto gli occhi. Può essere in tulle o in rete, come da tradizione e viene fissata sulla testa da un fermaglio o da un cappellino. E’ un accessorio consigliato soprattutto se si accompagna ad un abito corto o ad un tailleur.

Più classico ma molto dinamico è il velo corto che tendenzialmente scende all’indietro e arriva fino ai gomiti lasciando vita e fianchi scoperti. Spesso i veli di questa misura sono preferibilmente di tulle, così da lasciar intravedere la linea del vestito. E’ opportuno valutare attentamente la lunghezza così da non intralciare giochi di scollature del vestito o pannelli.

Maestro di cerimonia è il velo classico  che scende all’indietro e arriva a toccare terra, almeno una trentina di centimetri al difuori della coda del vestito. Tendenzialmente viene realizzato in tulle è può essere finito a taglio vivo, bordato con del raso o con del pizzo in base al vestito con cui va accompagnato.

Regale, sontuoso e principesco è il velo a cattedrale, lunghissimo e molto ampio,  perfetta coronazione per un vestito realizzato con tessuti preziosi, adatto ad un matrimonio elegante e formale. Spesso viene bordato con del pizzo coordinato al vestito idoneo a delinearne la sinuosità e l’importanza. E’ una vera e propria cornice  al vestito.

Tutti i tipi di velo possono diventare ancora più importanti se impreziositi calata, si può portare rivoltata davanti al viso per l’ingresso  in chiesa garantendo una maggior sacralità all’entrata della sposa, come anche all’indietro così da impreziosire e donare più volume e sinuosità al velo.

Un’emozione da indossare…

È l’abito giusto per me?

È una storia senza età, che va oltre il tempo e le sue filosofie;
la scelta dell’abito da sposa è nei sogni e nei desideri anche delle persone più disincantate.

Il romanticismo, anche se velato, prende forma nello sguardo di ogni sposa, e dona a tutto una luce diversa, che come per incanto, rende il sogno realtà.

La fashion victime abbonata a Vogue, la ragazza acqua e sapone della porta accanto, la donna sicura di sé e quella che sente ancora il bisogno di affermarsi, sono donne diverse e dalle esigenze diverse, quindi destinate ad abiti diversi, ideali a far risaltare tutte le sfumature della loro personalità.

Nella moltitudine di abiti proposti potrebbe risultare complicato convincersi, ogni scelta suona come una rinuncia . Perché scegliere proprio questo abito e non l’altro?

Questo è il punto nodale della questione. L’abito dei sogni non è uno dei tanti proposti ma quello plasmato sulla personalità e la fisicità della sposa. Non è la sposa ad adattarsi al vestito, ma il vestito a plasmarsi in base alle caratteristiche di chi lo indossa per la sua ottimale valorizzazione.

Il “su misura” in questo senso è imbattibile, garantendo livelli di personalizzazione e cura del dettaglio inimmaginabili nel settore della produzione in serie.

Quando il pizzo, il tessuto, il taglio, la scollatura, la sfoderatura sono scelti ad hoc, guidati da mani esperte, il risultato non può che essere l’abito perfetto, che farà sentire la sposa a proprio agio, naturale e disinvolta nel giorno più importante di cui rimarrà per sempre un indelebile ricordo.